CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | Tagliando Recale | Recale, gli ambientalisti fanno il test ai candidati

Recale, gli ambientalisti fanno il test ai candidati

•Valutazione attuale•: / 4
•Scarso••Ottimo• 

recale RECALE. Sindaci all'ultimo «green». L'associazione «Cruna» di Recale irrompe, a suo modo, nella campagna elettorale per le amministrative del 6 maggio. Gli attivisti sottoporranno i candidati capilista a un «test di sensibilità ambientale» per capire come intendono affrontare alcune emergenze del territorio. Nei quesiti, dodici in tutto, argomenti consueti, come la raccolta differenziata, peculiari, come la bonifica dell'area dell'ex stabilimento dell'Industria calce casertana, e inusuali, come gli orti sociali e le «Wi-fi zone». Le domande verranno spedite agli aspiranti sindaci il giorno dopo la presentazione delle liste, ma saranno svelate al pubblico domani, nel corso del quarto «Tagliando alla città», che si terrà, alle 18.30, nella chiesa di Santa Maria Assunta, in via Municipio. Il "Tagliando" è un dibattito sui generis che «Cruna» organizza per valutare lo stato di salute ambientale di Recale. Quest'anno è dedicato alle «storie che sanno di futuro» e gli attivisti hanno invitato Vincenzo Cuomo, sindaco di Portici e presidente regionale dell'Anci (Associazione nazionale dei Comuni italiani), e Lucia Esposito, consigliere regionale, segretario della commissione Ambiente ed Energia. Cuomo è il sindaco che, in soli tre anni, ha portato la raccolta differenziata dal 19 al 70%. Portici è una città del napoletano tagliando 2012classificata come Comune "virtuoso" e "riciclone", prova che in Campania esistono comunità attente al problema dei rifiuti più di quanto l’opinione pubblica locale e nazionale possano immaginare. «Quello della Esposito - rivela Michele Lasco - è, invece, un gradito ritorno». Nella qualità di assessore provinciale all'Ambiente ha tenuto a battesimo i «tagliandi» di Cruna, ma era al fianco dell'associazione fin dai tempi della lotta contro l'opificio Vozza. Ad arricchire il dibattito ci saranno, poi, il saluto di don Franco Catrame, che ha aperto la sua chiesa per ospitare il convegno, e l'intervento di Lasco, portavoce di «Cruna», che presenterà una relazione dell'attività svolta dall'associazione nel 2011. «Oggi - afferma -, il «tagliando», che nacque come una provocazione, è diventato uno degli appuntamenti in chiave ambientalista più importanti della provincia di Caserta. Riunisce figure istituzionali, personalità dell'attivismo laico e religioso ed esponenti della società civile provenienti da ogni parte d'Italia. Donne e uomini, che amiamo definire non "del fare" ma "del già fatto", che valorizzano il confronto sull'ecologia, sovente infarcito di reticenze, luoghi comuni e di rassegnazione - denuncia Lasco -, con testimonianze, buone prassi ed esempi concreti».
Claudio Lombardi, Il Mattino, 23 marzo 2012

•Commenti•

Per commentare questo articolo devi registrarti
 

meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•