CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | NOTIZIE | Nella tragi-commedia di Alessandro Casola va in scena "’A munnezza"

Nella tragi-commedia di Alessandro Casola va in scena "’A munnezza"

•Valutazione attuale•: / 1
•Scarso••Ottimo• 

munnezza_casolaMACERATA. Promette di non «riciclare» le battute, anche se il tema lo richiederebbe. Alessandro Casola, in anteprima nazionale, domani, alle 18.30, presenterà la sua ultima fatica drammaturgica, dal titolo quanto mai eloquente, «’A munnezza», nella sala consiliare di via Umberto I. L’attore e regista di Macerata leggerà, nella lingua di Eduardo De Filippo e di Raffaele Viviani, brani dell’opera, divisa in tre atti, pubblicata da Arduino Sacco Editore e impreziosita da note di esponenti del teatro napoletano contemporaneo, quali Giacomo Rizzo, Rino Marcelli e Sergio Solli. Il testo si regge in equilibrio tra il registro tragico e quello comico; dall’elemento grottesco si passa al riso amaro e alla riflessione sofferta su un problema che in Campania vive in uno stato di allarme cronico: lo smaltimento dei rifiuti. Casola, che sarà affiancato dal sindaco Luigi Munno e dal presidente del consiglio comunale, Donato Capuano, per anni suo compagno di scena, ci tiene a ribadire che la commedia «non è il becero tentativo di cavalcare l’onda del momento». Oltretutto, il testo è stato scritto nel 2002, in tempi in cui l’emergenza non aveva raggiunto i livelli di oggi. La trama, più che di attualità, si nutre del rapporto conflittuale tra i due protagonisti, «Munnezza» e «Consumo», i cui destini sono indissolubilmente legati: «Se crescono i consumi – afferma l’autore maceratese –, giocoforza, crescerà anche l’immondizia». Ed è questa la morale della favola.

•Commenti•

Per commentare questo articolo devi registrarti
 

cerca nel sito


visite oggi:0
ultimo mese:0
totale visite:0

Altro sull'argomento...


meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•