CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | NOTIZIE | Canapa, all'Ics "Presidio di legalità" di Macerata tutte le virtù in cucina

Canapa, all'Ics "Presidio di legalità" di Macerata tutte le virtù in cucina

•Valutazione attuale•: / 2
•Scarso••Ottimo• 

la canapa a scuola MACERATA CAMPANIA. Piace a celiaci e vegani. La canapa a tavola è sempre più spesso sinonimo di buona salute e di longevità. I semi sono ricchi di acidi grassi polinsaturi Omega 3 e Omega 6, al pari dell’olio di pesce. Contengono proteine, vitamine, carboidrati, sali minerali e fibre; caratteristiche che li rendono un alimento nobile e completo.
Per approfondire le proprietà e per conoscere i numerosi usi della pianta in cucina, l’istituto comprensivo «Presidio di legalità» di Macerata Campania, diretto da Carmela Mascolo, nei locali della scuola dell’infanzia e primaria di Caturano, ieri ha dedicato un’intera mattina alla canapa. Il menù ideato da alunni e genitori era di quelli da leccarsi le dita: pasta alla canapa, cornetto ripieno alla canapa con confettura di pesche locali, crostata alla canapa e pizza alla canapa.
Alla degustazione hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco Stefano Cioffi, le assessore Agnese Vetrella e Maria Assunta D’Orso, il presidente del Consiglio comunale Gaetano Tavano, il presidente della Pro poco «Vivere a Caturano» Franco Tartaglione, il presidente del «Distretto turistico» di Caserta Umberto Riccio e un ospite d’eccezione, il presidente di «ItalCanapa» Maurizio Salice.
Per decenni, la variante sativa ha regolato i ritmi della popolazione locale, con ripercussioni negli aspetti sociali, economici e religiosi. I matrimoni, gli acquisti di proprietà, gli scambi commerciali erano anticipati o posticipati in periodi lontani da quelli che interessavano la semina, la cura, l’estirpazione, la macerazione, l’essiccazione, la maciullazione e la pulitura; persino le feste patronali erano rinviate.
Alla coltivazione e alla lavorazione della pianta in città lo storico Andrea Massaro ha dedicato un piccolo saggio, ricco di aneddoti e fotografie dell’epoca, edito dal centro studi «Historia loci» e con un’introduzione di Aldo Balestra.
cl.lo.

•Commenti•

Per commentare questo articolo devi registrarti
 

meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•