CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | NOTIZIE | Ricomincia da tre il piccolo Teatro Rostocco di Acerra

Ricomincia da tre il piccolo Teatro Rostocco di Acerra

•Valutazione attuale•: / 3
•Scarso••Ottimo• 

ferdinando smaldone ACERRA. All'insegna del tempo... «ritrovato», «sospeso», «rubato». Ricomincia da tre il piccolo Teatro Rostocco di Acerra, diretto dall'attore e regista Ferdinando Smaldone. La presentazione della nuova stagione, «che avrà un primo e un secondo tempo - rivela Smaldone -, si terrà sabato 14 settembre, alle 11.30, nei locali del Bar Mennitto, al civico 137 di corso Vittorio Emanuele II». Alla conferenza stampa, moderata da Federica Pacilio, oltre al direttore artistico, saranno presenti il sindaco di Acerra Raffaele Lettieri, il vicesindaco e assessore alla cultura Tito D'Errico, alcuni protagonisti del cartellone e i rappresentanti dell'associazione Recitar(t)e, compagnia residente del teatro. Per la terza del Rostocco, Smaldone ha messo insieme una rosa di artisti provenienti da tutta Italia, il cui valore è stato riconosciuto anche all'estero. Da Tony Laudadio a Enrico Ianniello, da Federica Aiello a Enrico Ottaviano, ad Aldo Rapè, per citarne solo alcuni.

teatro rostocco acerraAnche quest'anno, lo spazio di via Calzolaio ha deciso di conservare la formula delle passate stagioni, semplice ed efficace: gli incontri tra il pubblico e il cast il venerdì sera e gli spettacoli nel week end. «I venerdì del Rostocco, a ingresso gratuito, offriranno - assicura Smaldone - agli appassionati e ai curiosi un'inedita panoramica sull'opera, sugli attori, con tante curiosità e sfumature del mestiere». Una novità, però, c'è: gli incontri si terranno al Bar Mennitto, dove gli ospiti potranno gustare simpatici abbinamenti di vini a piatti tipici, nel tentativo di favorire scambi tra realtà diverse, ma entrambe ancorare al territorio. «Dovrei ringraziare tante persone per il terzo debutto del Rostocco - afferma Smaldone -, lo farò durante il "viaggio nel tempo". Intanto, il primo grazie lo rivolgo alle compagnie che hanno sposato il progetto, mostrando sensibilità rispetto alla nostra arte e alla sua tutela. In un momento di crisi morale, culturale ed economica, una piccola realtà di provincia, resistendo, cerca di dimostrare che il sogno di pochi può diventare una speranza per tanti». Il Rostocco (nome di un animale nato dall'immaginazione visionaria di Massimo Troisi) non è solo un microteatro (in)stabile da 40 posti; è anche, forse sopratutto, una bottega in cui si cesellano idee e un laboratorio per giovani talenti, che intravedono nella recitazione uno strumento di espressione del sé e di comunicazione con il mondo.
Redazione

•Commenti•

Per commentare questo articolo devi registrarti
 

meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•