CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | NOTIZIE | I ragazzi di Recale e l’esperienza al «Mattino»

I ragazzi di Recale e l’esperienza al «Mattino»

•Valutazione attuale•: / 5
•Scarso••Ottimo• 

studenti di recale alla redazione del mattinoRECALE. Un mattino a Il Mattino. Invasione pacifica, ieri, nella redazione casertana del quotidiano degli aspiranti giornalisti di «Europa Magazine», progetto promosso dall’Istituto comprensivo statale di Recale, diretto da Vincenza Della Valle. La delegazione era composta da studenti delle classi seconda e terza della scuola media «Giovanni XXIII» di viale Europa, da cui il nome della rivista. Con la giovane direttrice Maria Pia Vitale, appena 13 anni, la caporedattrice Maria Grazia Lamberti e la segretaria di redazione Roberta Serino, c’erano Luisa Caccavale, Michele Caputo, Caterina Cervo, Michela Cirillo, Noemi Di Stasio, Demy Di Maio, Vincenzo Di Stasio, Chiara Ferraro, Teresa Gadola, Teresa Gianoglio, Danila Iodice, Maria Teresa Letizia, Pasquale Lupoli, Maria Francesca Magnotta, Giulia Moretta, Vincenzo Vendemia e Amedeo Zitelli. A completare il gruppo, Eleonora Finelli, docente responsabile del progetto, Amelia D’Angelo e Romolo Vitale, autista del Comune di Recale. Ad accoglierli, il capo della redazione di piazza Amico, Aldo Balestra, il quale si è intrattenuto con i ragazzi, per quasi due ore, sulla funzione didattica della lettura di un quotidiano e della sua realizzazione tra i banchi di scuola. «Non importa cosa farete da grandi - ha detto -, questa esperienza vi aiuterà a osservare in maniera critica la realtà, a ricercare la verità dei fatti e ad accrescere le occasioni di confronto con la scrittura, utile per presentare voi stessi, capire, spiegare, convincere». Balestra si è soffermato anche sugli aspetti pratici della costruzione di un giornale: dalla raccolta delle notizie alla composizione della prima pagina e di quelle interne, dalla stesura di un articolo, alla correzione delle bozze, alla stampa. «Per quanto pregno di sacrifici - ha assicurato -, quello del giornalista resta il mestiere più bello del mondo». Al termine dell’intervento, Balestra e il nerista Claudio Coluzzi sono stati letteralmente sommersi dalle domande dei cronisti in erba. Argomenti ricorrenti, il rapporto tra la carta e il web e il futuro degli organi d’informazioni.
Claudio Lombardi, Il Mattino (ed. Caserta), 5 maggio 2013, pag. 49

•Commenti•

Per commentare questo articolo devi registrarti
 

cerca nel sito


visite oggi:0
ultimo mese:0
totale visite:0

Altro sull'argomento...


meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•