CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | NOTIZIE | Recale: sulle "note" della legalità con Eugenio Bennato

Recale: sulle "note" della legalità con Eugenio Bennato

•Valutazione attuale•: / 4
•Scarso••Ottimo• 

eugenio bennatoRECALE. Sarà la musica, forma di comunicazione preferita dai giovani, il veicolo attraverso il quale gli studenti dell'Istituto comprensivo di Recale, diretto da Vincenza Della Valle, ricorderanno don Peppe Diana e s'interrogheranno su temi come lo sfruttamento minorile, il sogno di un’Italia rinnovata, il rispetto della Costituzione e i diritti delle minoranze. Anche quest’anno, in linea con il progetto triennale sulla legalità previsto dal Piano dell’offerta formativa, la scuola promuove l’evento «Sulle “note” della Legalità», che prevede il coinvolgimento delle classi terze, quarte e quinte della Primaria e di tutte le classi della Secondaria di primo grado. Domani, le classi terze di scuola primaria incontreranno rappresentanti della polizia municipale e della protezione civile, impegnati ogni giorno nella prevenzione e protezione del territorio, mentre le classi di scuola secondaria si confronteranno con il cantautore Eugenio Bennato, grande esponente della musica popolare italiana, reduce dal successo al Teatro San Carlo di Napoli di «L'Amore muove la Luna», un canto d'amore per la Terra, una fiaba per riflettere sulla bellezza del nostro pianeta, troppo spesso maltrattato. Bennato è il fondatore del progetto "Taranta power", che sta veicolando nel mondo un'immagine nuova e vitale della cultura musicale italiana, ed è oggi una realtà capace di aggregare pubblico e appassionati in concerti, stage, scuole, festival, con un seguito che fino a poco fa appartenevano solo al mondo del rock e della musica leggera. Anche le classi quarte e quinte di scuola primaria si avvicineranno, mercoledì, alle tematiche della legalità attraverso le note di Agnese Ginocchio, cantautrice impegnata a trasmettere il suo messaggio di pace ai giovani. «Queste attività ben si inseriscono - dichiara la dirigente Della Valle - nelle molteplici strategie che la scuola pone in atto per promuovere la formazione dell’uomo e del cittadino che agisce e collabora  alla creazione di uno Stato fondato sulla pace e sull’amicizia tra i popoli».
Redazione

•Commenti•

Per commentare questo articolo devi registrarti
 

meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•