CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | NOTIZIE | Casapulla: prestiti, un consigliere inventa l'«affidometro»

Casapulla: prestiti, un consigliere inventa l'«affidometro»

•Valutazione attuale•: / 3
•Scarso••Ottimo• 

andrea martusciello CASAPULLA. Odiato dai contribuenti, rinnegato dai politici in campagna elettorale, bocciato dal tribunale di Napoli perché troppo ficcanaso. Il più bistrattato dei sistemi antievasione in Italia, il «redditometro», potrebbe avere a Casapulla un alter ego utile e simpatico, l'«affidometro». A proporlo, sull'esempio di Cattinara, in provincia di Vercelli, è il consigliere di minoranza Andrea Martusciello: «Per chi ha bisogno di un prestito per la casa, per l'auto o per avviare una nuova attività - spiega -, il Comune potrebbe introdurre uno strumento per aiutare i cittadini e le aziende a ottenere un finanziamento in banca o una semplice rateizzazione». Il concetto è semplice: la maggior parte dei casapullesi è virtuosa, ossia paga i tributi, i buoni mensa per i figli, l'occupazione di suolo pubblico quando necessaria e così via. La crisi economica, però, rende l'accesso al credito per  famiglie e imprese complicato. «Con l'«affidometro», un certificato rilasciato dal Comune ai cittadini per attestarne l'affidabilità e la correttezza - assicura Martusciello -, diverrebbe tutto più semplice». A fronte di un protocollo d'intesa firmato con gli istituti bancari della zona, il titolo di merito potrebbe essere esibito dal privato o dall'imprenditore al momento della richiesta di finanziamento, quale forma di ulteriore garanzia, in modo da poter accedere al credito con maggiore facilità. Potrebbe, inoltre, essere presentato anche in altre occasioni, come, per esempio, alla stipula di un contratto di locazione o alla richiesta di rateizzazione di un pagamento. L'idea appassiona pure il sindaco di Casapulla, Ferdinando Bosco: «Tutto ciò che può agevolare i contribuenti onesti - afferma - è degno di interesse. Invito Martusciello a formalizzare in un progetto la sua proposta ed io m'impegno a verificarne la fattibilità e, nel caso, a renderla operativa sul territorio». Quale servizio a domanda individuale, l'«affidometro» bypasserebbe il rischio di lesioni alla privacy sollevato per il «redditometro» dai giudici di Pozzuoli. Dall'onere della prova all'onore della prova: un bel passo in avanti nel rapporto faticoso tra cittadini e istituzioni.
Claudio Lombardi, Il Mattino (ed. Caserta), 5 marzo 2013, pag. 52


•Commenti•

Per commentare questo articolo devi registrarti
 

cerca nel sito


visite oggi:0
ultimo mese:0
totale visite:0

Altro sull'argomento...


meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•