CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | NOTIZIE | "Failadifferenza", la campagna del Ministero dell'Ambiente per promuovere la differenziata

"Failadifferenza", la campagna del Ministero dell'Ambiente per promuovere la differenziata

•Valutazione attuale•: / 1
•Scarso••Ottimo• 

“Failadifferenza”, questo il titolo della campagna di comunicazione promossa dal Ministero dell’Ambiente e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla raccolta differenziata dei rifiuti. La campagna sarà “interattiva”, consentirà cioè ai cittadini, contattando il ministero dell’ambiente (scrivendo una mail a:  •Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.• ) di segnalare disservizi e altre problematiche relative alla gestione della raccolta differenziata sul proprio territorio. Differenziare gli scarti è un passo fondamentale per consentire l’attuazione di un corretto ciclo dei rifiuti. Consente infatti di ridurre in maniera decisiva le quantità da avviare alla termovalorizzazione o in discarica (come purtroppo avviene ancora in molte città Italiane), consente di recuperare valore con la cessione delle materie prime "differenziate” e, di conseguenza, permette il riciclo e recupero dei materiali con un minore impiego di risorse naturali. Ma per un ciclo corretto dei rifiuti è fondamentale, oltre all’impegno delle istituzioni preposte, il contributo di ciascuno perché la differenziata parte dalle case degli italiani. Da qui l’invito del Governo ai cittadini a “differenziare” di più e meglio e l’opportunità di essere parte attiva indicando mancanze e problemi al Ministero dell’Ambiente. Perché “ogni azione fa la differenza”.

fonte Ministero dell'Ambiente

•Commenti•

avatar silvestro polizzi
0
 
 
segnalo che nel comune di S.Giovanni La Punta via Duca degli Abruzzi 74 ( ma è lo stesso ovunque),da quando si fa la differenziata ci costringono a lasciare i sacchi fuori di casa per strada. Questo ha trasformato ,a causa dei notevoli disservizi, l'ingresso del complesso in una discarica a cielo aperto 24 ore al giorno.Ho fatto , con tanti residenti, centinaia di segnalazioni al Sindaco,vigili etc, nessuno si degna di rispondere o fare qualcosa. non esiste più la minima condizione igienica.prego il Ministero dell'ambiente di intervenire.
Silvestro Polizzi
Per commentare questo articolo devi registrarti
 

cerca nel sito


visite oggi:0
ultimo mese:0
totale visite:0

Altro sull'argomento...


meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•