CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | NOTIZIE | Danno ambientale: parte civile per le associazioni ambientaliste

Danno ambientale: parte civile per le associazioni ambientaliste

•Valutazione attuale•: / 5
•Scarso••Ottimo• 

peopleROMA. Un importante riconoscimento alle forme di cittadinanza attiva in tema di ambiente è arrivato dalla Corte di cassazione lo scorso 23 maggio. La III sezione della consulta, nella sentenza 19437/ 2012, ha stabilito che «le associazioni ambientaliste sono legittimate a costituirsi parte civile quando perseguano un interesse non caratterizzato da un mero collegamento con quello pubblico, bensì concretizzatosi in una realtà storica di cui il sodalizio ha fatto il proprio scopo: in tal caso l'interesse all'ambiente cessa di essere diffuso e diviene "soggettivizzato" e personificato. Il danno risarcibile - ha precisato -, secondo la disciplina civilistica, può configurarsi anche sub-specie del pregiudizio arrecato all'attività concretamente svolta dall'associazione ambientalista per la valorizzazione e la tutela del territorio sul quale incidono i beni oggetto del fatto lesivo. In tali ipotesi potrebbe identificarsi un nocumento suscettibile anche di valutazione economica in considerazione - ha concluso la Corte - degli eventuali esborsi finanziari sostenuti dall'ente per l'espletamento dell'attività di tutela».
Redazione

Leggi la sentenza

•Commenti•

Per commentare questo articolo devi registrarti
 

meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•