CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | NOTIZIE | Recale: spazi pubblici, è polemica. «Caserma, fondi ok»

Recale: spazi pubblici, è polemica. «Caserma, fondi ok»

•Valutazione attuale•: / 4
•Scarso••Ottimo• 

recale RECALE. Gestione «esterofila» degli spazi pubblici e millantato «credito» politico. Sono queste le accuse che, a Recale, i gruppi di volontariato e l'opposizione consiliare stanno sollevando nei confronti del sindaco Americo Porfidia. Le associazioni sono sul piede di guerra in seguito alla decisione di Porfidia di concedere ai «Rangers del Mediterraneo», con sede legale nel comune di Curti, in comodato d'uso gratuito dei locali dell'ex edificio scolastico «Ugo Foscolo». «Sconcerta - dichiara Michele Lasco di Cruna - il deficit di trasparenza che avvolge questa vicenda. È possibile che il sindaco non abbia pensato a un avviso pubblico per informare i cittadini e raccogliere eventuali disponibilità a occupare quegli spazi? È possibile che il sindaco non abbia pensato, quantomeno, di interpellare i sodalizi di Recale prima di concedere quei locali a un'associazione di un altro comune?». Domande alle quali Porfidia risponde, facendo notare che «i vani alla «Foscolo» sono stati affidati alla protezione civile comunale. I rangers - spiega il sindaco - sono solo un sottogruppo operativo». La delibera dell'esecutivo parla, in realtà, di un'assegnazione congiunta, ma quand'anche i rangers fossero solo di supporto, la sostanza non cambia: pur avendo potuto scegliere tra associazioni, comitati, gruppi, che già operano sul territorio e che spesso svolgendo un ruolo di supplenza delle istituzioni, Porfidia si è rivolto altrove. E non meno accesa è la polemica politica sorta dopo le indiscrezioni sullo storno dei fondi per la realizzazione della nuova caserma dei carabinieri, in via Savoia. «Mi sono mobilitato - rivela il sindaco, parlamentare di Nps - in tutti i modi per sollecitare il Governo a sbloccare i finanziamenti per le piccole e medie opere nel Sud previste dai fondi Fas. Ebbene, il Cipe, Comitato interministeriale per la programmazione economica, ha ribadito la disponibilità dei fondi prestabiliti, tra i quali ci sono anche quelli per il presidio dell'Arma. Ora che la consistenza economica del Piano per il Mezzogiorno è salva, attendo che il Ministero delle infrastrutture faccia pervenire il denaro al provveditore interregionale alle opere pubbliche, Giovanni Guglielmi, al quale – rivela Porfidia – ho chiesto, anche come deputato, di inserire l’opera tra le priorità territoriali». È da anni che il sindaco persegue il sogno di costruire a Recale una stazione dei carabinieri all’avanguardia, che andrebbe a sostituire quella di via Mazzini, a Macerata, stabile piccolo e non più in grado di soddisfare le esigenze del comando locale, sotto la cui giurisdizione ricade anche Portico. Staremo a vedere.
Claudio Lombardi, Il Mattino, 4 febbraio 2012

•Commenti•

Per commentare questo articolo devi registrarti
 

cerca nel sito


visite oggi:0
ultimo mese:0
totale visite:0

Altro sull'argomento...


meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•