CRUNA

  • •Aumenta dimensione caratteri•
  • •Dimensione caratteri predefinita•
  • •Diminuisci dimensione caratteri•
CRUNA | NOTIZIE | Differenziata al 32%, il prefetto bacchetta il Comune di Casagiove

Differenziata al 32%, il prefetto bacchetta il Comune di Casagiove

•Valutazione attuale•: / 2
•Scarso••Ottimo• 

operai a casagioveCASAGIOVE. Il prefetto Carmela Pagano bacchetta il Comune di Casagiove. In una nota, inviata al sindaco Elpidio Russo, la Pagano chiede conto del mancato rispetto, nel 2010, della quota di raccolta differenziata dei rifiuti stabilita dalla legge. L'ente di via Iovara non ha superato la soglia del 35%, attestandosi su una percentuale che sfiora appena il 32. Ora, Russo dovrà inviare in Prefettura un dossier che fornisca indicazioni volte a giustificare il mancato raggiungimento dell'obiettivo, che, se reiterato, potrebbe portare alla nomina di un commissario ad acta. «Sono in carica da appena otto mesi - afferma il sindaco - e, se dovessi individuare le cause di una quota di differenziata così bassa, le andrei a cercare nei disagi prodotti dalle frequenti agitazioni del personale, nell'impossibilità di sversare nei centri di raccolta e nelle difficoltà a reperire siti di conferimento dell'umido». Difficoltà oggettive che, precisa Russo, se giustificano il passato, non possono rappresentare degli alibi per il futuro. «Non appena - aggiunge il sindaco - ho acquisito la comunicazione del prefetto, ho chiesto all'assessore all’ecologia Franco Parente di convocare un tavolo, al quale hanno partecipato la polizia municipale, l'ufficio ecologia, il segretario comunale e il delegato Giuseppe Di Mezza, per rilanciare - assicura Russo - il servizio e sensibilizzare i cittadini a eseguire la differenziazione dei rifiuti». Questa mattina, poi, la giunta ha approvato una delibera di indirizzo rivolta agli uffici competenti per attivare tutte le procedure utili a rilanciare il servizio di raccolta, prima fra tutte un maggiore monitoraggio del territorio. E per dare il buon esempio ai cittadini, gli operai del Comune, la settimana scorsa, hanno ripulito l'area fiera al confine con via Fortuna. L'abbandono indiscriminato di sacchetti della spazzatura e di materiale di risulta aveva creato una piccola discarica abusiva. Pur di scoraggiare altre sversamenti, il Comune non esiterà a consegnare alle forze dell'ordine le immagini del sistema di videosorveglianza per individuare i colpevoli. «I nostri manutentori - rivela il sindaco - hanno rimosso moltissimi rifiuti lasciati all’interno della recinzione, dove è presente una vecchia cabina del fornitore di energia elettrica. Ho predisposto la ristrutturazione del reticolato, ma da oggi in poi - conclude - tolleranza zero». Garantire il pagamento degli stipendi agli addetti alla raccolta, incoraggiare i cittadini a effettuare la corretta separazione dei rifiuti e denunciare i trasgressori sono le tre direttrici lungo le quali si muoverà l'esecutivo Russo.
Redazione

•Commenti•

Per commentare questo articolo devi registrarti
 

meno rifiuti più benesere
•Banner•
•Banner•